La politica dei comitati cittadini: ecco da dove ripartire

5 06 2008

http://www.megachip.info
di Alessio Marri – Megachip. Tratto dal dossier “Ampugnano (SI), quando una speculazione edilizia comincia da un aereoporto” disponibile sul sito http://www.ilbenecomune.net

Il processo di disillusione politica che ha coinvolto gran parte del pianeta sociale Italia inganna i politilogi e ogni previsione. Quello che una volta si chiamava “classe operaia”, oggi è fatto da persone che primeggiano nello scagliarsi contro i più deboli, che primeggiano nell’inseguire stili di vita borghese altolocati, che primeggiano nel votare Lega Nord.

Le ideologie hanno perso attrattiva persino per i più giovani, mentre gli utlimi idealisti in estinzione tendono inconsapevolmente ad autoghettizzarsi. I tassi di scolarizzazione del popolo italiano risultano tra gli ultimi posti a livello europeo, la religione riconquista spazi e la cultura precipita nell’obsolescenza. L’inflazione divora il potere d’acquisto delle famiglie, ma tutti sono già pronti a sedersi e a godersi i nuovi europei di calcio. Le morti bianche cominciano a non fare più notizia, Berlusconi ricomincia con i soliti colpi di spugna per preservare i propri interessi.

Sembra un film visto e rivisto, o meglio un libro letto e riletto. Ma nel frattempo qualcosa in Italia è cambiato veramente. E non nel potere gerontocratico. Che si chiami Andreotti o Berlusconi, la sostanza rimane tale e quale. Con il secondo solo più arrogante nell’evidenza dei suoi soprusi.

L’Italia è cambiata, ma nel suo Dna. Nel suo modo di porsi nei confronti dell’altro. Che sia questi il vicino di casa, il compagno di scuola, il collega o il negoziante, sembriamo sempre di più alla ricerca di nemici a cui affibbiare colpe. Per porre muri che ci separino dal diverso, perchè questa dicono sia la soluzione.

Il momento di fidarsi di chi non si conosce, di chi promette qualcosa, di chi dice di difendere i tuoi interessi, è passato. La rappresentanza ha fallito e gli effetti di questo fallimento sono come un’onda anomala che travolge le persone a partire dalla più semplice quotidianità. Dove è più facile cogliere il rom che ti chiede l’elemosina, il rumeno che ti importuna con le rose o il nero che cerca di venderti griffe contraffatte.

Come ben detto da Roberto Seghetti, in anni e anni di televisione commerciale si è riusciti in un processo di devastazione simbolica del concetto stesso di democrazia. La libertà non viene più misurata in qualità e rispetto dei diritti civili, ma è diventata libertà di consumo. “L’Italia è una Repubblica democratica basata sul consumo”. Questo recita l’articolo 1 della nuova costituzione italiana. Ed è così che chi vende a minor prezzo vince, come ha fatto nuovamente Berlusconi.

Di fronte a una realtà così traumatica, sembrano però fiorire esperienze totalmente spontanee, che nella forma non amano ricoprirsi di una contestualizzazione politica, ma che invece nella sostanza reclamano il rispetto di quelle libertà civili che troppi hanno già scordato e sono pronti a sacrificare non conoscendone i significati.

I comitati cittadini sorgono da necessità e punti di vista comuni: subendo direttamente la stessa ingiustizia, le persone acquistano coscienza di sé e del mondo e decidono di mettersi in gioco in nome del cambiamento. Cominciando proprio da battaglie che riguardano loro stessi, il loro quartiere, la loro città. Con quella sana e inconsapevole voglia di politica che ha abbandonato il Parlamento italiano da molti anni.

La speranza sarebbe proprio quella di ricominciare da lì, magari unendo comitati diversi tra loro come sta tentando di fare Alberto Asor Rosa in Toscana. E fondere nuovamente i più svariati intenti al grido di un’ unica voce che reclami libertà e uguaglianza in nome del bene comune.

Questo Articolo proviene da Megachip – Democrazia nella comunicazione
http://www.megachip.info

L’URL per questa storia è:
http://www.megachip.info/modules.php?name=Sections&op=viewarticle&artid=7010


Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: